lunedì 12 aprile 2010

Canna libera

giovedì, 18 maggio 2006

La notizia è più che ammuffita: il fatto accadeva 30 anni fa. Nel 1976, infatti, in Francia, il “Collectif d’information et de recherche cannabique” lanciava un appello, intitolato “18 joint”, allora pubblicato su “Libération” e firmato da eminenti personalità, per parlare di fumo. La cosa nuova è che l’appello è stato ripreso ora, nel 2006, da intellettuali e politici francesi, che invitano “i partigiani della legalizzazione della cannabis (...) a uscire dalla clandestinità e a interpellare i partiti politici sulle soluzioni pragmatiche che contano di prendere per piantarla con una proibizione il cui insuccesso è evidente”.
L’odore che si spande nell’aria ha persino più di 30 anni, un sentore di “siamo realisti: chiediamo l’impossibile”. Corro a firmare. Mentre dai fianchi mi spunta un gonnellone a fiori e ai piedi mi compaiono un paio di zoccoli dalla suola di legno.



(P.S. l'originale, da un blog ormai morto, lo trovate cliccando il titolo. Quando non ho niente di meglio da scrivere ho deciso di raccogliere qui i miei post su Parigi. Almeno se ne staranno tutti insieme ;)

Nessun commento:

Posta un commento

Licence Creative Commons
Ce(tte) œuvre est mise à disposition selon les termes de la Licence Creative Commons Attribution - Pas d’Utilisation Commerciale - Pas de Modification 3.0 non transposé.