mercoledì 14 aprile 2010

Il capitalismo dello spazio

venerdì, 19 maggio 2006

L’autore è irlandese: Chris Lee e il titolo originale della pièce, scritta nel 1999 è “The Map Maker’s Sorrow”. In Francia è stata messa in scena una sola volta. Pinocchietto e io siamo finiti per caso a vedere «La Douleur de la cartographe», al “Lavoir moderne parisien” (poi replicata a settembre al Théâtre du Chaudron, Cartoucherie di Vincennes, come indica la locandina): uno degli attori è un caro amico. Tuttavia siamo usciti, noi come tutti gli altri spettatori, amici e no, davvero soddisfatti. Contenti no, perché la pièce è amara. Il contenuto era ben riassunto sul sito del Lavoir moderne: “Che cosa resta all’idealista quando il suo ideale crolla? Al politico utopista di fronte al cinismo della realtà? Alla cartografa impegnata quando il canale del Rajastan è distrutto? Ogni spazio è in fin dei conti uno spazio capitalista. Allora trova tu la carta per uscire da quest’inferno, povera cosa arrogante, senza pietà, senza emozione, invalida, fallita”. E persino il Figaroscope ha riconosciuto che si tratta di “una bella pièce. Montata con intelligenza”. Per me è uno di quegli spettacoli che fanno venire voglia di andare a teatro ogni sera.


(P.S. l'originale, da un blog ormai morto, lo trovate cliccando il titolo. Quando non ho niente di meglio da scrivere ho deciso di raccogliere qui i miei post su Parigi. Almeno se ne staranno tutti insieme ;)

Nessun commento:

Posta un commento

Licence Creative Commons
Ce(tte) œuvre est mise à disposition selon les termes de la Licence Creative Commons Attribution - Pas d’Utilisation Commerciale - Pas de Modification 3.0 non transposé.