mercoledì 5 gennaio 2011

E chi lo sapeva che pur'io avevo bisogno di un posto dove posare il cappello?


Il titolo è una parafrasi da Bruce Chatwin. Non so più quale libro e non posso citarlo esattamente perché, ça va sans dire, tutto il "mio" Bruce Chatwin giace nella "mia" libreria. A Parigi.
Comunque. Sono spesso vissuta in case altrui. A prestito. Tra mobili che non avevo scelto e segreti che non mi appartenevano. Sono vissuta pure in case "mie", di proprietà o in affitto, sempre abitate da quel senso di provvisorietà che pensavo - pensavo - fosse un mio tratto saliente.
Ho spesso sostenuto che sarei potuta vivere in albergo. Anzi, che pacchia. Niente di cui preoccuparsi.
Poi sono ritornata a vivere a Milano e ho scoperto che avevo una casa. Quella. E che sarebbe un gran bel posto dove lasciare i miei sempre e i miei spesso.



(nella foto: Donna col cappello, Félix Vallotton)

Nessun commento:

Posta un commento

Licence Creative Commons
Ce(tte) œuvre est mise à disposition selon les termes de la Licence Creative Commons Attribution - Pas d’Utilisation Commerciale - Pas de Modification 3.0 non transposé.