martedì 12 marzo 2013

All that jazz

19 marzo 2009 - ovvero quasi quattro anni fa. Messaggi da un'altra vita

Se rinasco voglio essere Joséphine Baker. No, ma guardatela, una bomba, un portento della natura, un'esplosione di gioia e denti, di paillettes e tette al vento, di gambe zampettanti al ritmo di una musica che sballa e imballa. L'unico neo è che mi toccherebbe essere nata nel 1906 e morta da oltre trent'anni. E non so se funzioni. Comunque in virginie baker mi reincarnerei benissimo, lo sento.
Con qualche manifesto rosso, bianco e nero, qualche quadro di Paul Colin (nella foto: La revue nègre: Joséphine Baker), qualche disegno umoristico di Miguel Corraburias (none, il nome non è quello ma l'ho appena cancellato ed è ormai perduto per sempre, visto che Google non mi aiuta e la stupida cartella stampa nemmanco. Al "per sempre" levate un po' di quel melodramma cui spesso virginie indulge e ci siamo. Un rossetto premio a chi trova per me il nome del signore, comunque) introducono nel Secolo del jazz.
C'è la musica (ma va'?), ci sono le copertine di dischi, ci sono quadri, disegni, foto, acquarelli, film, cartoni animati eccetera eccetera eccetera. Le straordinarie foto musicali di Giuseppe Pino, due Basquiat da urlo (Jazz e Black, molto simili), Le Grand Jazz di Roberto Matta e il Boogie Woogie di Renato Guttuso, Jazz di Matisse e il manifesto disegnato per il Festival di Montreux da Keith Haring.
A dire il vero voi italiani tutto questo dovreste averlo già visto, nei mesi scorsi, al Mart di Trento (la mia amica inseguitrice di mostre me ne ha parlato già da tempo), ma virginie l'ha assaporato lunedì, camminando con un sorriso beato, seguendo le note e l'ispirazione, saltando da Harlem a Parigi e dal 1915 al 2002. virginie, si sa, was born to be a princesse, ma, insomma, anche Joséphine Baker ha il suo perché.

Le Siècle du Jazz
Musée du quai Branly
www.quaibranly.fr
16 marzo-28 giugno 2009

Nessun commento:

Posta un commento

Licence Creative Commons
Ce(tte) œuvre est mise à disposition selon les termes de la Licence Creative Commons Attribution - Pas d’Utilisation Commerciale - Pas de Modification 3.0 non transposé.